archivio

Geek

Mi sono the100innamorato di Destiny già la prima volta che ho ucciso un Reietto con un Khvostov.
In quel momento ho compreso che ci sarei stato invischiato per un bel po’.

Dopo anni di PS2 lasciata a prendere polvere ho deciso di fare il salto e passare alla PlayStation 4 ed al PSN (dove ho ritrovato anche un vecchio amico), ma ho trovato comunque difficile e frustrante trovare un gruppo per affrontare quelle attività di Destiny che non prevedono il matchmaking (vedi Raid e Cala la Notte).
Un mese dopo l’acquisto è diventato molto chiaro che avrei avuto bisogno di più amici con cui giocare.

Cercando in internet soluzioni a questo problema ho “scovato” the100.io

Ma cos’è the100? È un po’unico rispetto ai siti tradizionali di LFG (come ad esempio destinylfg.net).

Fondamentalmente richiede di rispondere ad un “questionario” in base al quale ti abbinerà con 100 altri Guardiani simili a te.
Le domande comprendono:

  • Momento della giornata in cui si gioca solitamente
  • Livello del Guardiano
  • Età
  • Se microfonati oppure no
  • Piattaforma (XBox One – XBox 360 – PS3 -PS4)

Da qui in poi si sarà essenzialmente associati ad una “crew” (si potrà comunque sempre decidere di cambiare gruppo).

All’interno della pagina di ogni gruppo c’è una chat ed una funzione per pianificare e formare gruppi per ogni tipo di incursione (ed all’interno di queste pianificazioni c’è un’altra chat separata per quella specifica attività).

Solo dopo due settimane di utilizzo ho completato due Cala la Notte e due Raid.

Non solo le persone che ho incontrato sono state molto simpatiche e disponibili ma il sito è fantastico e ben strutturato. Gli strumenti per il coordinamento e la pianificazione sono efficaci e ben progettati. Programmare i Raid in anticipo è incredibile.
Essendo un giocatore di 38 anni, sposato, con un bimbo di 7 anni, e con un lavoro, era difficile riuscire a programmare questo tipo di attività. Ora il problema è risolto.

Questo sito è senza dubbio l’estensione di cui Destiny avrebbe bisogno.

Se volete questo è il mio profilo e questo è il neonato gruppo de I 100 Italiani – PS4

Mi piacerebbe sapere quali metodi utilizzate e se vi trovate bene. Per me, the100.io = Clan all’istante.

Volete un desktop come questo? Bene! allora seguite questa guida per portare la UI dell’HP Mini sul vostro Ubuntu “Jaunty Jackalope”.
I nuovi HP Mini 700 e 1000 della serie MI sono dotati di una versione di Ubuntu modificato da HP e chiamato Linux MIE (Mobile Internet Experience).
Questi netbook sono basati sulla tecnologia Atom ma la guida proposta funziona anche su altri processori (Io l’ho installato su un Toshiba Tecra A4) a 32 bit.

Nota: NON FUNZIONA con sistemi a 64 bit.

La guida dopo il salto.

Read More

Notizia che risale al 04-09-2009.

Data la ormai enorme diffusione di WordPress, le vulnerabilità scoperte sono in aumento e la maggior parte delle volte possono essere corrette con semplici fix. Questa volta, come ci spiega Lorelle On WordPress, a causa di una nuova vulnerabilità tutti gli utenti WordPress che non utilizzano l’ultima versione (2.8.4) devono immediatamente aggiornarela loro installazione o prepararsi a subire una brutta sorpresa.

Read More

Hai bisogno di un po’ di musica per la tua prossima festa? Non sai come fare e non sei capace a mixare? Manda in stream qualche music set presente su Mugasha e concentrati sul goderti la festa invece di lavorare ad una playlist perfetta!

Mugasha cataloga innumerevoli dj sets dei più famosi djs. A differenza di alcuni servizi di condivisione di musica in cui devi sceglierti le canzoni e creare la tua playlist da solo, Mugasha ha già la musica ordinata in sets per voi.

Read More

Ormai non si contano neanche più le volte, sotto le pressanti richieste dei miei amici, che ho ceduto alla fatidica domanda: “Mi daresti un occhiata al PC?”. Purtroppo, per chi lavora nel campo dell’informatica come il sottoscritto, questa spiacevole domanda si ripete molto spesso, in maniera direttamente proporzionale all’inesperienza dei propri amici e alle vostre riparazioni concluse con successo.

Non mi sono mai reso conto però dei possibili retroscena della decisione di aiutare un amico in difficoltà fino a quando non ho letto quest’articolo che vi riporto.

Read More

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.